Paolo Nori e le false morti del Web

Paolo Nori e le false morti del Web
Ieri sera ho avuto il piacere di rivedere lo scrittore Paolo Nori in un’esibizione pubblica, al Concerto del Primo Maggio. Il piacere si è mescolato alla sorpresa, perché appena un mese fa avevo letto del suo incidente stradale, ma soprattutto della “prognosi riservata”, del “coma farmacologico” e di una “lenta ripresa” legate al suo stato di ...

Twitter, quando il “rumore” sovrasta la voce 1

Twitter, quando il
Ho passato un bel weekend (tra pioggia e sole) a Perugia, partecipando ad alcuni panel del Festival Internazionale di Giornalismo.  Per quattro giorni numerosi ex-colleghi (giornalisti) e neo-colleghi (blogger) si sono amorevolmente sforzati di trovare il bandolo della matassa in questo gran casino che sono diventati i new media, senza dimenticare i media tradizionali che, ...

Siamo troppo esposti 2

Siamo troppo esposti
La storia è di ieri. L’account Twitter della Associated Press, hackerato per l’occasione, pubblica un tweet su un attacco alla Casa Bianca e sul ferimento del presidente Obama. La reazione della Borsa di New York, pur in assenza di altre fonti e nonostante la rapida smentita, è immediata, e provoca un crollo dell’indice Dow Jones ...

Marini, Rodotà e l’influenza dei social

Marini, Rodotà e l'influenza dei social
Sabato è stato eletto il “nuovo” Presidente della Repubblica (lo giuro, le battute terminano con questa riga). Sono stati giorni convulsi e drammatici per un evento che raramente ha attirato a sé tanta foga e curiosità come in quest’occasione. D’altronde, era la prima volta che l’elezione si svolgeva sotto i riflettori dei social media e ...

L’inaffidabilità della Rete 4

L'inaffidabilità della Rete
Nel mondo editoriale, il tema portante dei prossimi anni sarà il seguente: riusciranno i media tradizionali a traslocare indenni sul digitale, e a capire come sopravvivere senza i ricavi “cartacei”, relativi sia all’acquisto che alla pubblicità? Il piano pubblicato da RCS, colosso italiano che ha chiuso il 2012 con una perdita di 509 milioni di ...

Perché scrivo 1

Perché scrivo
Perché scrivo? Ho voluto iniziare questo blog in una maniera superficialmente un po’ strana e provocatoria, ma in realtà assai coerente. Da quando sono una persona “adulta” (virgolette obbligatorie) ho cambiato gusti, opinioni, attività…più e più volte. Se dovessi trovare un filo conduttore alle mie innumerevoli oscillazioni, potrei rispondere solo in questa maniera: ho sempre ...