User Posts: Enrico Giammarco
0
L’inaffidabilità della Rete
0

Nel mondo editoriale, il tema portante dei prossimi anni sarà il seguente: riusciranno i media tradizionali a traslocare indenni sul digitale, e a capire ...

0
Perché scrivo
0

Perché scrivo? Ho voluto iniziare questo blog in una maniera superficialmente un po' strana e provocatoria, ma in realtà assai coerente. Da quando sono una ...

Browsing All Comments By: Enrico Giammarco
  1. Ciao Nicola,

    Ho preferito non rispondere nel merito perché le puntualizzazioni di Freccero mi sono sembrate molto superficiali e non degne di uno studioso dei media della sua levatura. Ha pescato a piene mani nel luddismo più populista, cosa potrei rispondere a chi afferma che “Internet mescola il vero con il falso”, quando si tratta di una delle caratteristiche primarie della TV, il media più amato da Freccero stesso?

    Quando si tratta di critica della Rete, sono la persona più sbagliata da redarguire. In questo blog (sezioni “Cultura digitale” e “Media”) ho scritto più volte articoli di critica e riflessioni sull’evoluzione di Internet e sui possibili pericoli nella sua mancata (o forzata) regolamentazione. Senza contare il saggio che ho pubblicato un anno fa, che trovi riportato in vari punti del blog.

    Un saluto,
    Enrico

  2. Ciao Fabio,

    Il problema di Twitter è che hanno capito troppo tardi che fare un prodotto “figo” senza avere idea di dove andare a parare non avrebbe portato a nulla. Adesso si trovano in un grave problema di posizionamento del prodotto, paradossalmente più grave di Google Plus, che forse ha trovato la strada per uscire dai confronti impossibili e improbabili con Facebook.

  3. Reply
    Enrico Giammarco 31 Marzo 2015 at 21:11

    Ciao Giacomo,

    Due annotazioni:

    1) Il caso svizzero è particolare, e viene tuttora “sfruttato” (legittimamente) dagli italiani che abitano al confine (leggi: vivo in Italia, lavoro in Svizzera).

    2) E’ giusto pretendere degli stipendi all’altezza della propria professionalità (e indirettamente dei propri studi). D’altro canto, in Italia come all’estero, è difficile avere progressi sensibili nel RAL rimanendo nella stessa azienda. I veri salti di qualità si ottengono cambiando lavoro, magari rischiando un po’. Ma pare proprio che sotto sotto, l’ambizione di molti giovani sia ancora il puro e semplice “posto fisso”.

  4. Con l’uso delle virgolette per il titolo esatto del film, va inserito il “+” con lo spazio. Se digiti [“la grande bellezza”+recensione], ti tira fuori solo 9 risultati (un po’ pochini, no?) e non ti si attiva neanche la knowledge graph…Google non “capisce” la query.

  5. Giulia, non posso che concordare su Amy Adams (e aggiungo Bale immenso). Per quanto riguarda la trama, essendo una truffa basata esclusivamente sulla menzogna (niente tecnicismi giocosi alla Ocean), credo sia giusto un po’ di “caos”, con relativa risoluzione finale.

  6. Giuseppe, pensi che con quella dichiarazione un 10-15enne possa avvicinarsi alla musica classica?

  7. Reply
    Enrico Giammarco 8 Maggio 2013 at 11:29

    Ciao Chiara, mi sembra un progetto molto interessante. Complimenti!