Blackkklansman

Infiltrarsi nell'odio

Scheda del Film

Titolo Originale
BlacKkKlansman
Paese
 United States of America
Casa di Produzione
Focus Features, Legendary Pictures, Perfect World Pictures, Monkeypaw Productions, Blumhouse Productions, QC Entertainment, 40 Acres & A Mule Filmworks
Regia
Spike Lee
Sceneggiatura
Ideatore
Cast
John David Washington, Adam Driver, Topher Grace, Laura Harrier, Alec Baldwin, Jasper Pääkkönen, Corey Hawkins, Paul Walter Hauser, Ryan Eggold, Isiah Whitlock Jr., Robert John Burke, Brian Tarantina, Arthur J. Nascarella, Ken Garito, Frederick Weller, Michael Buscemi, Damaris Lewis, Ato Blankson-Wood, Dared Wright, Faron Salisbury, Ashlie Atkinson, Victor Colicchio, Paul Diomede, Elise Hudson, Danny Hoch, Nicholas Turturro, Ryan Preimesberger, Harry Belafonte, Gina Belafonte, Ernest Rayford, James Campbell, Jared Johnston, Michael J. Burg, Jeremy J. Nelson, Nichelle Bolden
Durata
2 h 15 min
Data di Uscita
9 Agosto 2018
Generi
Commedia, Drammatico, Storico
Sinossi
Sono i primi anni ’70, un periodo di grandi sconvolgimenti sociali mentre negli Stati Uniti infuria la lotta per i diritti civili. Ron Stallworth è il primo detective afroamericano del dipartimento di polizia di Colorado Springs, ma il suo arrivo è accolto con scetticismo ed ostilità dai membri di tutte le sezioni del dipartimento. Imperterrito, Stallworth decide di farsi un nome e di fare la differenza nella sua comunità. Si imbarca quindi in una missione molto pericolosa: infiltrarsi nel Ku Klux Klan ed esporne i crimini.

Dove vedere “Blackkklansman” in streaming

“BlacKkKlansman” è un adattamento del libro di memorie di Ron Stallworth del 2014. Stallworth è un ex-agente di polizia di colore di Colorado Springs che si è infiltrato con successo nel Ku Klux Klan, arrivando a parlare con David Duke in diverse occasioni. Il lavoro sotto copertura della polizia di Stallworth, con il fondamentale aiuto del suo partner bianco, Flip Zimmerman (Adam Driver), ha contribuito a smascherare e reprimere un attacco agli attivisti suprematisti.

Questa pellicola non è la prima rappresentazione cinematografica di Lee del KKK. In Malcolm X li mostrava mentre cavalcavano "vittoriosamente" nella notte con una luna assurdamente grande  sospesa nel cielo. Era una scena veloce ma dalle intenzioni inequivocabili: Lee citava "The Birth of a Nation" di Griffith, uno dei più efficaci pezzi di propaganda del razzismo mai visto, ma senza pagargli alcun tributo. Invece, l'evidente falsità dello splendido scenario celestiale dietro il Klan è servito da dito medio a Griffith e al suo film. Sebbene l'azione nella scena di Lee sia drammaticamente potente e interpretata direttamente, la tecnica stessa è parodica, definendo una stronzata l'idea che l'abilità cinematografica di Griffith giustificasse la bassezza di ciò che ha rappresentato.

In "BlacKkKlansman", Lee ha più giustificazioni per "omaggiare il presunto capolavoro" di Griffith, a cominciare dall'uso di filmati da "The Birth of a Nation" stesso. Ci viene mostrato che viene proiettato a una riunione del Klan, e compare anche in un cortometraggio pre-crediti con Alec Baldwin, nel ruolo fantasioso del dottor Kennebrew Beauregard. Come in Americani, l'attore affonda i denti in un monologo sproloquio, tranne per il fatto che invece di insistere sui coltelli da bistecca e sulla potenziale disoccupazione, questa incarnazione di Baldwin "vende" il razzismo su una pellicola. Ed è tutt'altro che perfetto nel farlo; più volte balbetta sulle sue parole o ha bisogno di ricevere battute da una persona fuori dallo script.

"BlacKkKlansman" vuole chiaramente essere l'anti "Birth of a Nation" e sono sicuro che alcune persone meno illuminate lo considereranno allo stesso livello di propaganda razziale. Ma cos'altro vogliono ottenere Lee e il suo produttore Jordan Peele con questo film sorprendente, divertente e importante? La risposta è molto probabilmente nella coda del film, che mostra il filmato dell'incidente a Charlottesville che è costato la vita a Heather Heyer. Questo filmato grezzo, che arriva dopo forse l'uso migliore in assoluto dell'inquadratura del people mover, marchio di fabbrica di Lee, è sia un trolling estremamente efficace e giusto che un terrificante promemoria del fatto che non siamo così lontani dal mondo dei pezzi d'epoca a cui abbiamo appena assistito. E Lee, un uomo a cui non importava niente di quello che qualcuno pensava della sua politica, è impavido nel dire la verità al potere con questo film. Lee dedica "BlacKkKlansman" alla memoria di Heyer, scrivendo "rest in power" sotto una sua foto prima di concludere il film con l'unica canzone di Prince che avrebbe potuto mettervi fine.

Locandina del Film ""
Blackkklansman
Il Verdetto
"BlacKkKlansman" usa la Storia per offrire un commento pungente e tagliente sugli eventi attuali e mette in scena uno dei lavori più incisivi di Spike Lee degli ultimi anni
Il parere dei lettori0 Voti
0
7.5

Trailer e altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Voto Finale