Drive my car

Scheda del Film

Titolo Originale
ドライブ・マイ・カー
Paese
 Japan
Casa di Produzione
Bitters End, C & I entertainment, Culture Entertainment, Agency for Cultural Affairs, J-LOD, nekojarashi, Quaras, Bungeishunju, L'espace Vision, The Asahi Shimbun, Nippan Group Holdings
Regia
Ryusuke Hamaguchi
Sceneggiatura
Ideatore
Cast
Hidetoshi Nishijima, Toko Miura, Masaki Okada, Reika Kirishima, Park Yu-rim, Jin Dae-yeon, Sonia Yuan, Ahn Hwi-tae, Perry Dizon, Satoko Abe, Hiroko Matsuda, Toshiaki Inomata, Takako Yamamura, Ryo Iwase, Faisal Anwar, Kamal Zharif, Massimo Biondi, Shoichiro Tanigawa
Durata
2 h 59 min
Data di Uscita
18 Agosto 2021
Generi
Drammatico
Sinossi
Sebbene non sia ancora in grado di riprendersi dalla scomparsa della moglie, l'attore e regista teatrale Yusuke Kafusu accetta di mettere in scena Zio Vanja a un festival di Hiroshima. Qui, conosce Misaki, una giovane riservata che le è stata assegnata come autista. Nel corso dei loro spostamenti, la crescente sincerità delle loro conversazioni costringe entrambi ad affrontare il loro passato.

Dove vedere “Drive my car” in streaming

C'è una breve transizione all'inizio delle tre ore di "Drive My Car" del regista giapponese Ryûsuke Hamaguchi, in cui le ruote dell'automobile del film si trasformano nelle bobine di una cassetta in un registratore. Per un istante si fondono, quasi come se la voce captata da quel dispositivo fungesse da carburante per il veicolo. E in un certo senso lo fa, dal momento che quell'audio accompagna il passeggero del veicolo come un fantasma sonoro miglio dopo miglio.

Due anni dopo una tragedia personale intrisa di risentimento irrisolto, il regista e attore teatrale Yûsuke Kafuku si trasferisce a Hiroshima, una città che non ha bisogno di presentazioni, per mettere in scena una nuova versione teatrale dello zio Vanya di Anton Cechov, interpretato da attori che parlano le rispettive lingue native. Come parte del lavoro, deve accettare di avere un autista, una condizione a cui è riluttante.

Di un rosso acceso, l'auto dell'artista (una Saab 9000) è un tempio di libertà e solitudine, l'incarnazione del ritorno e della partenza, la via del ritorno dalla sua amata e la fuga dalle ricadute del loro presente. È nel silenzio di quello spazio in movimento che la voce della moglie Oto si riverbera tramite gli altoparlanti attraverso un nastro che gli alimenta le linee, un'ancora di salvezza. Quello che recita potrebbe provenire dal testo classico o forse direttamente da lei, ma la distinzione non ha importanza. Entrambi diventano la stessa cosa in un continuum.

"Drive My Car" contempla la difficile situazione interiore di Yûsuke con tatto tenero , senza mai spingere troppo forte ma lasciando che il dolore si dispieghi a suo tempo. I due protagonisti, passeggero e autista, sono entrambi impegnati nell'interiorizzare il loro passato fino a renderlo quasi indifferente. Una Misaki riservata inizialmente limita la sua interazione a premere play sul registratore. Ma scena dopo scena si smantella l'implicito rapporto di subordinazione tra i due. Hamaguchi parla inoltre di una comprensione non detta tra le persone nel modo in cui gli attori internazionali di Yûsuke si esibiscono l'uno con l'altro dalla memoria sensoriale, spesso non comprendendo ciò che l'altro dice attraverso il linguaggio ma sentendosi soli.

Non ci sono flashback in questa epopea umanistica e di ampia portata, una scelta che coincide con il tema di ciò che è davanti e non di ciò che è nello specchietto retrovisore del passato. I personaggi prendono vita non nelle visioni di chi erano ma nel prodotto di quelle esperienze, in quello che sono ora. Nel tocco delicato e paziente della regia di Hamaguchi, i personaggi cessano di essere confezioni idealizzate fatte di parole e idee sulla pagina di uno scriba. La loro trasmutazione nei corpi dei membri del cast avviene per osmosi, a quanto pare, per impartire non una saggezza condiscendente ma una rivelazione empatica che sembra vissuta. Un viaggio pensieroso e lacrimoso in cui la meta è un confronto spirituale con se stessi, “Drive My Car” devasta e conforta attraverso la sua poesia veicolare del dolore da cui corriamo, degli urti che ci risvegliano e della guarigione ottenuta da ogni urto la strada.

Locandina del Film ""
Drive my car
Il Verdetto
Un lungo viaggio nell'animo umano, tra auto-accettazione, elaborazione del lutto e rimpianto.
Il parere dei lettori0 Voti
0
8

Trailer e altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Voto Finale