Il processo ai Chicago 7

Quella che doveva essere una manifestazione pacifica alla convention del partito democratico statunitense del 1968 si trasforma in una serie di scontri violenti con la polizia e la Guardia nazionale. Gli organizzatori delle proteste, tra cui Abbie Hoffman, Jerry Rubin, Tom Hayden e Bobby Seale, vengono accusati di cospirazione e incitamento alla sommossa in uno dei processi più noti della storia americana.

Il momento più ricorrente in una produzione di Aaron Sorkin è fondato sulla convinzione che un discorso possa cambiare i cuori e le menti. Sorkin adora i dialoghi, scambi serrati come il ping-pong, argomentazioni che crescono in un crescendo calcolato fino a quando un personaggio sbotta in un urlo e la stanza improvvisamente tace. È un drammaturgo che è passato al cinema, poi alla televisione e, più recentemente, ha iniziato a dirigere. Il Processo ai Chicago 7, sulle proteste alla Convenzione Nazionale Democratica del 1968 e sui sette partecipanti accusati dal governo federale di crimini come cospirazione e istigazione a una rivolta, è la seconda avventura di Sorkin dietro la telecamera, dopo lo zoppicante Molly’s Game. Nonostante queste evoluzioni di carriera, egli resterà sempre uno scrittore, in prima istanza, e lo si può vedere nella certezza che le parole efficaci, pronunciate con la giusta dose di convinzione, possano conquistare qualcuno dall’altra parte del corridoio.

Aaron Sorkin ha trovato un contesto felice, in cui tutti i suoi tropi consolidati effettivamente funzionano

Release Date
30 Settembre 2020
REGIA
Aaron Sorkin
CAST
Sacha Baron Cohen, Joseph Gordon-Levitt, Frank Langella, Eddie Redmayne, Mark Rylance
GENERE
Storico/Drammatico
Our Score
7.5
Guarda
Ci sono molti dialoghi in The Trial of the Chicago 7, ma non sono fuori posto, visto di cosa si tratta. Questo film rappresenta uno di quei momenti felici in cui Sorkin trova un contesto in cui tutti i suoi tropi consolidati che possono essere così fastidiosi altrove – l’ipocrisia, gli uomini di paglia, i grandi uomini, gli uomini che tramano dietro le quinte – effettivamente funzionano. (Sì, se ve lo stavate chiedendo il cast è prettamente maschile.) Si tratta di un processo, e si tratta di attivismo, due mondi in cui le persone trascorrono molto tempo cercando di commuovere i cuori e le menti con istanze di grandezza. Il film si muove tra queste sfere innatamente teatrali con un’energia scoppiettante, scivolando facilmente dall’aula del tribunale nel 1969 ai preparativi e alle proteste del 1968. Ciò che lo rende così efficace e ben riuscito non è la floridezza del dialogo, ma il modo in cui è usato per riconoscere che la chiarezza morale non è fine a se stessa. Mentre l’assistente procuratore degli Stati Uniti Richard Schultz (Joseph Gordon-Levitt), agendo per volere della nuova amministrazione Nixon, cerca di creare uno spauracchio monolitico della cosiddetta “sinistra radicale”, ci viene mostrato quanto poco accordo ci sia effettivamente tra i sette imputati su cosa significa e come effettuare il cambiamento.

C’è così poco accordo persino sul fatto che ci siano otto imputati all’inizio del processo. Il co-fondatore del movimento Black Panther Bobby Seale (Yahya Abdul-Mateen II) insiste sulla propria estraneità, nonostante sia costretto a badare a se stesso dopo che il suo avvocato ha avuto un’emergenza medica. È politicamente opportuno per l’accusa raggruppare Bobby con gli altri in quella che chiamano “la squadra di stelle”, ma egli rifiuta il confronto forzato: “La tua vita, è un grande vaffanculo a tuo padre, giusto? E puoi vedere come è diverso da una corda appesa ad un albero?” chiede a Tom Hayden (Eddie Redmayne) a metà del film, dopo che Fred Hampton (Kelvin Harrison Jr.) è stato ucciso dall’FBI. Tom e Rennie Davis (Alex Sharp) fanno parte di Students for a Democratic Society, e la loro attenzione per fermare la guerra e vincere le elezioni non coincide del tutto con gli Yippies anti-autoritari, rappresentati da Abbie Hoffman (Sacha Baron Cohen) e Jerry Rubin (Jeremy Strong), che desiderano una rivoluzione culturale oltre che politica. La loro prontezza a lanciare bombe molotov a sua volta contrasta con l’impegno pacifista di David Dellinger (John Carroll Lynch).

“Penso che le istituzioni della nostra democrazia siano cose meravigliose che in questo momento sono popolate da persone terribili”

È un gruppo tentacolare – difeso da Mark Rylance e Ben Shenkman, nei panni degli avvocati del gruppo, William Kunstler e Leonard Weinglass, oltre a Michael Keaton in un ruolo piccolo ma fondamentale – dove Cohen e Strong emergono come i migliori. Cohen sottolinea l’astuzia di Abbie, le forti intenzioni dietro tutta la scherzosa irriverenza. The Trial of the Chicago 7 gioca veloce e sciolto con alcuni dettagli; quando Seale è stato legato e imbavagliato per ordine del giudice Julius Hoffman (Frank Langella), che manifesta apertamente i suoi pregiudizi, lo è stato per giorni, non per i minuti mostrati nel film, prima che il suo processo fosse separato dal resto degli imputati. Ma come racconto della storia filtrata dalla sensibilità di Sorkin, il film prende una svolta inaspettata, anche se sottovalutata, contro la civiltà. Quando Abbie e Tom discutono su chi dovrebbe essere quello tra loro a prendere posizione, è Abbie il cui punto è il migliore e Abbie che dice in aula: “Penso che le istituzioni della nostra democrazia siano cose meravigliose che in questo momento sono popolate da persone terribili”.

Quando le regole sono ingiuste
Il Processo ai Chicago 7 è un soggetto storico dove un autore come Aaron Sorkin trova terreno fertile per la sua narrazione fatta di dialoghi serrati e argomentazioni non troppo bipartisan per criticare l'attuale società americana.
Il parere dei lettori0 Voti
0
Cosa funziona
Il casting (soprattuto Sacha Baron Cohen)
La ricostruzione processuale, avvincente
I toni della commedia che smussano la vicenda
Cosa non funziona
La retorica, difetto "storico" sorkiniano
7.5
Cerca Film, Serie TV o altri contenuti su questo sito

Premi Enter / Return per iniziare la tua ricerca o clicca su ESC per chiudere

By signing in, you agree to our terms and conditions and our privacy policy.

New membership are not allowed.

Noxe Studio

The Noxe Film Studio
1418 Noxe Street, Suite 3845
California, USA

Center Office

+(01) 426-9824
hello@gloriathemes.com
12369, New York, USA

All Right Reserved 2020 The Noxe Studio. Powered by Gloria Themes.