Si alza il vento

Bisogna tentare di vivere

Scheda del Film

Titolo Originale
風立ちぬ
Paese
 Japan
Casa di Produzione
Studio Ghibli, Toho Pictures, Inc., Touchstone Pictures, Mitsubishi Motors Corporation, KDDI Corporation, Hakuhodo DY Media Partners, Nippon Television Network Corporation, Toho Company, Ltd.
Regia
Hayao Miyazaki
Sceneggiatura
Ideatore
Cast
Hideaki Anno, Hidetoshi Nishijima, Miori Takimoto, Masahiko Nishimura, Stephen Alpert, Mansai Nomura, Jun Kunimura, Mirai Shida, Shinobu Ōtake, Morio Kazama, Keiko Takeshita
Durata
2 h 06 min
Data di Uscita
20 Luglio 2013
Generi
Animazione, Guerra, Storico, Drammatico, Romantico
Sinossi
Jiro sogna di volare e progettare aeroplani ispirandosi al famoso ingegnere aeronautico italiano Gianni Caproni. Miope fin dalla giovane età e pertanto impossibilitato a diventare pilota, nel 1927 entra a lavorare in una delle principali società giapponesi di ingegneria aeronautica, e progetta il famoso aereo da combattimento Mitsubishi A6M Zero usato dal suo paese durante l'attacco a Pearl Harbor nella Seconda guerra mondiale. Sono anni importanti quelli per Jiro, perché ha modo di mostrare l’innato talento che lo farà diventare uno dei progettatori aeronautici più affermati al mondo ma soprattutto perché inizia a frequentare la dolce Nahoko, il suo più grande amore, oltre al cielo…

Dove vedere “Si alza il vento” in streaming

Cos'è. E' l'ultimo film di colui che è (sicuramente) il più grande regista dell'animazione giapponese e (forse) del mondo. Ispirato alle vere storie degli ingegneri aeronautici Jiro Horikoshi e Giovan Battista Caproni, è tratto dall'omonimo manga disegnato qualche anno fa dallo stesso Miyazaki.

La chicca: nella versione originale la voce del protagonista è interpretata da Hideaki Anno, ex-collaboratore di Miyazaki e poi regista di successo con le produzioni dello Studio Gainax (Nadia e Evangelion). Anno è al suo esordio come doppiatore.

Com'è. "Si alza il vento" è una pellicola che esce dalla classica produzione di Miyazaki. Pur affrontando alcuni dei temi cari al regista premio Oscar (il volo, la guerra), ne esclude degli altri (l'ecologia) per dedicarsi ad una disincantata riflessione sulla vita, la passione e la ricerca di noi stessi nella strada che percorriamo. Un'altra rarità: Miyazaki rinuncia ad avere come protagonista un bambino, relegando alla sola fase iniziale le scene infantili di Jiro.

Perché vederlo. E' un film dalla notevole potenza visiva ed espressiva, che trasuda poesia da ogni cambio inquadratura. Si percepisce il tentativo del regista di trasmettere la propria esperienza e pensiero agli spettatori. I fatti narrati sono il larga parte veritieri o comunque realistici, ma vengono passati in rapida carrellata, senza intermezzi. La crescita e la maturazione di Jiro sono repentine, ma egli, in fondo, rimane lo stesso bambino che sognava i biplani di Caproni e lo stesso ragazzo che s'innamora sul treno della futura moglie. L'epilogo, struggente, non è comunque importante ai fini dell'evoluzione del personaggio, è invece fondamentale che egli abbia perseguito la propria passione e, quindi, la propria identità.

Tecnicamente pulito, colorato e sontuoso nell'animazione, "Si alza il vento" si avvale, come molti altri film dello Studio Ghibli, della prestigiosa collaborazione del compositore Joe Hisaishi per quanto riguarda la colonna sonora.

Perché non vederlo. Perché non avete fatto in tempo a trovarlo in sala? A parte gli scherzi, non trovo motivi per cui qualcuno non dovrebbe vedere un film di Miyazaki. Non aspettatevi la sua "solita" pellicola, comunque. Meno visionario e più retrospettivo, questa leggenda del cinema mondiale ci ha voluti salutare con un messaggio chiaro, ben sintetizzato dalla citazione del poeta Paul Valery: vivete, e non lasciate passivamente che il vento si alzi e vi soffi accanto.

Una battuta. « Si alza il vento!...bisogna tentare di vivere »

Locandina del Film ""
Si alza il vento
Il Verdetto
Il Maestro ci lascia con un mantra profondo e maturo, invitandoci a non soccombere nemmeno davanti a quei sogni che divengono il tormento della nostra esistenza. Perché solo se i sogni si cristallizzano nella realtà, l'uomo ha compiuto il proprio destino.
Il parere dei lettori0 Voti
0
8

Sponsor

Trailer e altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Voto Finale