La mia passione per Shotaro Ishinomori e per la sua opera è seconda solo a quella per il di lui mentore Osamu Tezuka, il “Dio del Manga”. Ishinomori rappresenta un unicum, credo, nel mondo del fumetto nipponico: è stato un autore in grado di affiancare una prolificità estrema (Guinness assoluto di tavole prodotte) e serializzazioni-fiume (Cyborg 009) ad opere molto più complesse e autoriali come quella oggetto di questa recensione.

miyamoto musashi manga

Autore
Shotaro Ishinomori
Editore
J-Pop
Volumi
1
Acquista
Musashi Miyamoto (1584-1645), a suo modo, è stato anch’egli un unicum. Filosofo-samurai in un’epoca in cui combattimento e spiritualità erano due percorsi paralleli che non s’incontravano mai, egli perseguì la “via della spada” come propedeutica e necessaria per l’ascesi. Imbattuto e con un record di duelli mortali vinti inavvicinato (66), l’eccezionale abilità nella doppia spada ha reso il suo metodo troppo personale per essere insegnato. Miyamoto non fu Maestro di nessuno e per tutta la vita migliorò il suo stile senza tramandarlo ad altri.

Ishinomori si è avvicinato al racconto della vita di questa figura così importante per il Giappone partendo dalla sua opera di memorie e riflessioni “Il libro dei cinque anelli”, traendone altrettanti episodi biografici significativi. Ishinomori ha prediletto la declinazione avventurosa, tratteggiando l’era dei Tokugawa in maniera molto essenziale e storicamente non rigorosa, affiancando ai personaggi reali alcuni comprimari “di colore” per alleggerire. Il Maestro ci lascia pienamente percepire la crescita di Miyamoto attraverso sfide sempre più complesse per un uomo che vede nell’esaltazione dello spirito guerriero e nel continuo superarsi l’unico modo per vedere cosa c’è “oltre”.

miyamoto musashi

Il tratto di Ishinomori è intenso, espressivo e cinematico come ci si attende nella tradizione tezukiana, l’opera è complessivamente di ampio respiro pur nella sua struttura episodica. L’epicità degli scontri non esclude il tratteggio più intimista del rigore del personaggio, così esigente e focalizzato sui suoi obiettivi da rinunciare a costruire una famiglia con l’amata Tsuu.