Il lavoro gratuito è per chi ce l’ha

lavori-estivi

Il Ministro del Lavoro Poletti è finito da qualche tempo sotto i riflettori per alcune dichiarazioni piuttosto forti, che hanno acceso dibattiti e diviso l’opinione pubblica.

Il motivo è presto detto: Poletti si è espresso a favore dell’impiego, durante i mesi estivi, di studenti delle superiori per una sorta di stage in azienda. Il tutto, manco a dirlo, gratuito. L’intenzione del ministro sarebbe quella di evangelizzare i giovani su come funziona il mondo del lavoro, di modo di prepararli ad affrontarlo con discreto anticipo rispetto al loro effettivo ingresso.

Distinguiamo ora i motivi di dibattito, a prescindere dalle (facili) battute.

Dapprima, la questione del far lavorare gli studenti durante l’estate. In realtà, non ci vedo nulla di male; sono in molti quelli che aiutano le famiglie durante l’estate, pochi coloro che passano effettivamente tre mesi nell’ozio e nella depravazione più totale, omettendo anche di fare i compiti. Non ritengo inopportuna la proposta del Ministro, anche se c’è sempre il rischio di irregimentare troppo qualcosa che finora è sempre stato considerato come una scelta spontanea. Va detto che ad oggi non si è mai parlato di qualcosa di obbligatorio.

Il problema, per me, è sulla gratuità. Non voglio gridare allo scandalo, ma nella frase di Poletti c’è tutto il processo di assuefazione culturale verso un lavoro sempre meno tutelato e garantito, un modello ormai già innestato nelle mentalità delle nuove generazioni.

Io la penso un po’ come Riccardo Esposito, qualsiasi lavoro, anche il più umile, va pagato, soltanto chi ha già un occupazione, o che sta scegliendo di investire tempo e risorse per degli scopi più a lungo termine, può decidere di non farsi pagare per la propria prestazione. Non deve diventare la normalità, però, altrimenti si cade nella consueta casistica.

Di stage gratuiti è già pieno il mondo, e i risultati sono sotto agli occhi di tutti. Un’intera generazione è stata allevata al mantra del sottopagamento, non condanniamone altri.

Tags:

Cosa ne pensi?

Lascia un commento