La persona peggiore del mondo

Scheda del Film

Titolo Originale
Verdens Verste Menneske
Paese
 Denmark,   France,   Norway,   Sweden
Casa di Produzione
Oslo Pictures, Snowglobe, MK2 Films, Film i Väst, B-Reel Films, ARTE France Cinéma, Neon
Regia
Joachim Trier
Sceneggiatura
Joachim Trier, Eskil Vogt
Ideatore
Cast
Renate Reinsve, Anders Danielsen Lie, Herbert Nordrum, Hans Olav Brenner, Helene Bjørnebye, Vidar Sandem, Maria Grazia Di Meo, Lasse Gretland, Karen Røise Kielland, Marianne Krogh, Thea Stabell, Deniz Kaya, Eia Skjønsberg, Nataniel Nordnes, Rebekka Jynge, Gisle Tveito, Anna Dworak, Karla Nitteberg Aspelin, Sofia Schandy Bloch, Savannah Marie Schei, Ruby Dagnall, Ine Jansen
Durata
2 h 01 min
Data di Uscita
13 Ottobre 2021
Generi
Commedia, Drammatico, Romantico
Sinossi
La trentenne Julie vive con il quarantenne Aksel, un fumettista di culto. Aksel è un uomo amorevole e attento e la vita della coppia nella scena artistica di Oslo è fatta di cocktail ed eventi a cui prendere parte. Julie, però, non si sente realizzata. Incapace di sopportare il peso delle aspettative della sua famiglia o il desiderio di Aksel di avere un figlio, continua a inseguire sogni personali che cambiano in continuazione. Una sera, mentre cerca disperatamente di riscoprire alcune sensazioni perdute della sua giovinezza, Julie si intrufola a una festa di nozze, dove fa la conoscenza di Eivind, un suo coetaneo.

Dove vedere “La persona peggiore del mondo” in streaming

"Sono cresciuto in un'epoca in cui la cultura veniva trasmessa attraverso gli oggetti. Erano interessanti perché potevamo vivere in mezzo a loro. Potevamo raccoglierli. Tenerli nelle nostre mani. Confrontarli. Questo è tutto ciò che ho. Ho passato la mia vita a fare quello. Raccogliendo tutta quella roba, fumetti, libri... E ho continuato, anche quando ha smesso di darmi le forti emozioni che ho provato nei miei primi 20 anni. Ho continuato comunque. E ora è tutto ciò che mi è rimasto. Conoscenza e ricordi di cose stupide e futili che non interessano a nessuno".

E' ineluttabile: nasce un'irrequietezza dentro quando, per gli standard punitivi della società, la giovinezza inizia inevitabilmente a svanire. Mentre esegui la faticosa farsa dell'età adulta, con i vent'anni ormai conclusi e i trent'anni che ticchettano, l'urgenza di diventare, raggiungere, innamorarsi per sempre, tutto per dimostrare che hai combinato qualcosa nel tuo tempo terreno.

La sensazione che la luce della promessa si stia rapidamente spegnendo, consumata dalle pietre miliari imposte dallo status quo, guida questo film molto creativo del regista norvegese Joachim Trier "The Worst Person in the World", il terzo capitolo della sua (non pianificata) "trilogia di Oslo".

Suddiviso in una dozzina di capitoli (più un prologo e un epilogo), il film a struttura letteraria introduce la protagonista Julie con un montaggio dei suoi giorni al college intrappolati in un vortice di indecisione ed esplorazione, tra cambi di percorso professionale e avventure romantiche. Ma alla fine del primo atto, Julie compie 30 anni e deve affrontare l'incombente questione della potenziale maternità.

La performance della Reinsve è di altissimo livello, un atto di pura magia recitativa che fluttua nell'arco in evoluzione di Julie. Ci consente di osservare il personaggio nel tempo e in sfaccettature distinte, Trier offre a Reinsve una piattaforma non solo per mostrare la portata, ma anche per costruire un personaggio in modulazioni emotive piccole ma immensamente significative: il suo debole sorriso quando cerca di non piangere o un incontenibile sorriso di gioia, la sua danza con abbandono o il modo in cui resiste con una determinazione devastante.

Attraverso di lei, Julie matura al suo ritmo. Corre spesso verso qualcosa di impermanente ma eccitante, solo per scoprire che forse ha cercato risposte nelle braccia di un altro quando è in realtà era in mano sua.

Locandina del Film ""
La persona peggiore del mondo
Il Verdetto
Un film di formazione che prende di mira alcuni temi contemporanei, con particolare focus sul concetto di arte e mainstream. Sentirsi a disagio per il personaggio principale fa parte dell'esperienza di visione.
Il parere dei lettori0 Voti
0
7.5

Trailer e altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Voto Finale