21 Novembre 2022

GLOW

GLOW

Genere: Commedia|Dramma

Showrunner: Liz Flahive|Carly Mensch

Cast: Alison Brie, Betty Gilpin, Marc Maron

Stagioni: 3

Episodi: 30

Durata media: 35|30 minuti

Sinossi: La serie segue le vicende di Ruth Wilder, aspirante attrice che decide di partecipare ad un nuovo programma sul wrestling chiamato Grandiose Lottatrici del Wresting (GLOW). Ruth si trova a dover lottare con un gruppo di donne dalla personalità eccentrica, compresa la sua migliore amica Debbie, ex attrice che ha scoperto la relazione extraconiugale tra suo marito e Ruth

Dove vedere “GLOW” in streaming

Recensione

Come (quasi) ogni serie TV contemporanea, GLOW nasce da una storia reale, difatti esisteva veramente uno show di wrestling femminile che portava questo nome (acronimo di Gorgeous Ladies Of Wrestling). Un brutto show, invero, che non aveva inventato nulla (il wrestling femminile esisteva dagli anni Trenta), strizzava entrambi gli occhi al trash e presentava modelle o attrici di serie B riciclatesi wrestler con esiti, nella maggior parte dei casi, pessimi.

Si può realizzare un ottimo show che racconti un pessimo show? Sì, se ti affidi a un team di scrittrici capaci (le stesse di Orange is the new Black), in grado di disegnare dei caratteri interessanti oltre il cliché delle “ragazze con problemi”, e d’impostare il filo del racconto sulla metanarrazione. E’ veramente coinvolgente seguire le vicende di Ruth Wilder (Alison Brie, non la riconoscerete rispetto alla Tracy Campbell di Mad Men) e la sua ricerca e costruzione del personaggio, o le prove di Debbie Eagan, ex-attrice di soap opera, per trovare la giusta antagonista.

Nel corso degli episodi, GLOW snocciola alcune delle regole non scritte dell’arte del wrestling, dalla necessaria suddivisione dei personaggi tra buoni e cattivi (faces vs heels, in gergo tecnico), al fatto che siano proprio i cattivi quelli con il personaggio più interessante e che “conduce” l’incontro. Queste chicche vengono inserite con sapienza negli script delle puntate, e riescono a prendere anche i novizi della disciplina. Gli anni Ottanta sono presenti ma non cadono mai, come avviene in serie come Stranger Things, nella pura idolatria di un’epoca. Il cast è eccellente, eterogeneo nello stile quanto omogeneo nell’insieme. Le donne di GLOW hanno tutte l’esigenza di definirsi o ricostruirsi, e il wrestling, disciplina generalmente ghettizzata come “ultima spiaggia” dell’entertainment si rivela qualcosa di più ispirazionale rispetto ai soliti pregiudizi.

GLOW
GLOW
Il parere dei lettori0 Voti
0
7.298

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Voto Finale